Logo Comitato Decima Zona FIV
Wednesday, 3 December 2018
homemailfacebooksitemap
Ricerca:
HOME    X ZONA    REGATE    ATTIVITÀ    TECNICI    UDR    FORMAZIONE    UN VELISTA AL MESE    

benvenuti

Il Comitato X Zona FIV è lieto di accogliervi all\\\'interno del suo nuovo sito augurandosi che sia di vostro gradimento.

Come ogni organizzazione moderna, tramite Internet, esso vuole mettere a disposizione di tutti voi informazioni utili e servizi offerti.

Il Comitato X Zona FIV



[01.08.2017] - RENZO GROTTESI: LA VELA CREA UN CONTATTO CON LA NATURA E CON IL MARE, É LA PARTE SANA DI UNA PERSONA.

RENZO GROTTESI: LA VELA CREA UN CONTATTO CON LA NATURA E CON IL MARE, É LA PARTE SANA DI UNA PERSONA.

Esperienza, carisma, mentalità. Tre semplici parole che rispecchiano alla perfezione Renzo Grottesi, socio del Club Vela Portocivitanova, fresco vincitore con “Be Wild” della Middle Sea Race nella classe Orc3, in veste di armatore. È lui il protagonista del nostro appuntamento mensile “Un velista al mese” qui su Dezimazona.org, dove con questa intervista abbiamo avuto l’onore di conoscere e carpire i segreti di uno degli armatori più carismatici e vincenti della nostra terra.

Decimazona.org: Lei è fresco vincitore della Middle Sera Race assieme al suo team di “Be Wild”. Ci può raccontare che tipo di emozioni le ha generato e lasciato questo genere di manifestazione?

R.G.: Questa è stata la sesta edizione in cui io abbia partecipato. Dopo la delusione patita nella scorsa edizione dove purtroppo ci siam dovuti ritirare a Palermo, quest’anno volevo la rivincita. Questo genere di manifestazione mi ha sempre molto affascinato ed è stato tutto così emozionante anche perché le condizioni metereologiche non chi hanno aiutato e sono state molto impegnative. Eravamo molto più preparati rispetto all’anno scorso sotto tutti i punti di vista, sia a livelli di attrezzature che di organizzazione dove niente è stato lasciato a caso.

Decimazona.org: Ha sempre dato molta importanza oltre che alla passione, anche alla costanza. Secondo lei quest’ultima è innata oppure la si può acquisire con l’esperienza? R.G.: Dal punto di vista prettamente personale, la costanza è caratterizzata dalle passioni che animano il nostro essere e la nostra vita. Ho sempre cercato di lavorare e di migliorarmi giorno dopo giorno senza alcun tipo di peso perché amo la vela e il tempo che ci dedico per me è sacro. Alla base bisogna lavorare dapprima per l’equipaggio e in particolar modo per la sua sicurezza, che a mio modo di vedere è fondamentale. Come dico sempre il lavoro alla lunga paga.

Decimazona.org: Come è nata questa sua grande passione verso questo sport? Ci racconterebbe la sua storia? R.G.: La vela mi è sempre piaciuta sin dalla gioventù ma il mio approccio vero e proprio è stato abbastanza tardivo poiché nella mia vita ho praticato anche altri sport e fatto tante altre cose. Una decina di anni fa assieme a degli amici è sbocciata questa passione da cui poi non mi sono mai più separato.

Decimazona.org: Cosa consiglia, data la sua grande esperienza, alle nuove generazioni che si avvicinano per la prima volta a questo sport?

R.G.: Seppur velisticamente parlando, l’Italia non è ancora riconosciuta come paese top rispetto ad altre realtà ben più sviluppate, alle nuove leve dico che questo è un bellissimo sport perché ti crea un contatto con la natura e in particolare con il mare totale. Da qui poi nasce l’agonismo e la competizione che fanno emergere la parte sana delle persone. La vela è una parte sana della persona.

Decimazona.org: Dopo una vittoria di questo genere, quali sono i prossimi obiettivi da raggiungere? R.G.: Ogni anno cerco sempre di rimettermi in discussione provando nuove sfide. Sicuramente parteciperò a competizioni nuove, ma probabilmente ritornerò a regatare nella Middle Sea Race perché mi ha positivamente segnato anche dal punto di vista paesaggistico e naturalistico. È la regata di altura per eccellenza, un mondo a sé a cui non posso proprio rinunciare.


Autore: Ufficio Stampa Comitato X Zona FIV